Banca Virtuale: il boom dei conti online

a cura di Susanna Giordani

C’erano una volta le banche tradizionali. Non siamo di fronte ad una favola ma a un dato di fatto, sebbene l’ incipit costituisca ovviamente una forzatura. Le sedi degli istituti di credito non sono affatto sparite nel nulla, certo è però che i correntisti online stanno aumentando a dismisura, ridisegnando completamente lo scenario globale.

Il merito di questo spostamento dell’utenza verso le banche virtuali è da attribuirsi all’incredibile evoluzione tecnologica della quale siamo partecipi, che permette di snellire le canoniche operazioni da effettuare presso gli sportelli con un notevole risparmio di tempo e denaro. Le banche online, come ad esempio Hellobank!, garantiscono un servizio rapido ed efficiente, fornendo la possibilità ai propri clienti di monitorare il conto corrente attraverso i dispositivi portatili in commercio come smartphone e tablet.

Solamente nell’ultimo anno, come confermano i dati forniti dall’Abi, il numero di utenti che hanno aperto un conto corrente online sono raddoppiati, e il numero è destinato a crescere negli anni a venire. Ma quali sono i vantaggi concreti che derivano dall’utilizzo della banca virtuale?

Innanzitutto la velocità con la quale si può avere accesso ai dati e allo stato del proprio conto corrente, oltre all’immediatezza di operazioni come trasferimento di denaro, ricariche telefoniche, pagamento di utenze e quant’altro. In secondo luogo l’abbattimento dei costi di tali operazioni, che in alcuni casi vengono messe a disposizione gratuitamente in base alla tipologia di conto selezionata. Soltanto in Italia si calcola che oltre 16 milioni di utenti possiedono un conto digitale, e oltre la metà di questi ha deciso di aprirlo negli ultimi due anni.

Il nord dello stivale sembra essere il più ‘digitalizzato’, in quanto comprende il 57,5% del totale, anche se il computer rimane il canale preferenziale di accesso alle informazioni personali (81%) rispetto ai dispositivi mobili che comunque sono in netto aumento. Ciò che ha permesso all’online banking di espandersi in questo modo è certamente la grande sicurezza che viene garantita a chi ne fa uso, attraverso l’utilizzo di pin e applicazioni su misura che tutelano il cliente in ogni circostanza.

Non sono soltanto i nostri connazionali ad affidarsi alle banche virtuali ma anche gli imprenditori immigrati nel nostro paese. In questo caso l’aumento di correntisti fa registrare un clamoroso +42%, almeno secondo le stime fornite dall’Abi. Le garanzie fornite dalle banche online non si limitano ad un sistema di codici di sicurezza specifico per ogni singola operazione ma comprendono tante altre procedure da utilizzare quando si decide di ultimare degli acquisti tramite i portali web.

 

A riguardo l’ Unione Nazionale Consumatori ha provveduto a redigere una lista di consigli e buone norme da applicare in caso di acquisti online, a partire dall’utilizzo di browser affidabili e connessioni sicure. Gli stessi istituti di credito in alcuni casi forniscono al cliente il servizio di carta virtuale, ovvero la creazione di un numero di carta di credito provvisorio collegato a quella reale, utilizzabile soltanto in una precisa circostanza per una determinata operazione. Ovviamente prima di procedere a qualsiasi transazione è buona norma verificare l’attendibilità del venditore, controllando la presenza di indirizzi fisici e recapiti telefonici nel caso in cui la consegna non vada a buon fine.

Sta di fatto che negli ultimi anni anche i più scettici si sono dovuti arrendere all’evidenza, sposando a loro volta le transazioni online che fino a qualche anno fa venivano viste come poco sicure dai meno avvezzi alla tecnologia. Insomma, i cambiamenti che coinvolgono la società attuale cominciano ad entrare nell’uso comune della maggior parte delle persone, semplificando in totale sicurezza delle operazioni di routine che fino a pochi anni fa richiedevano un maggior dispendio di energie. Il futuro è a portata di click!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

     

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>