Piattaforme Video Online

Untitled

Introduzione alle piattaforme video online. Come si classificano e perché stanno divenendo il fulcro di Internet?

La televisione italiana ha ormai lasciato la tecnologia analogica per immergersi in quella digitale, ma il passaggio al digitale terrestre non significa mera transizione. Oltre lo schermo televisivo, il flusso delle immagini in digitale ha ormai riempito altri schermi: quelli di pc, degli smartphone, dei tablet, delle gaming console.

Untitled

Il video ha assunto vera centralità all’interno del Web. Il primo sito che permetteva di caricare e guardare video online fu shareyourworld.com, nato nel 1997. Da allora, a cominciare dalla nascita di YouTube nel 2005, le piattaforme hanno raggiunto numeri elevatissimi, rendendo impossibili stime precise al 100%. All’inizio si trattava solo di piattaforme che raccoglievano video amatoriali, creati dagli utenti e messi a disposizione di tutti. Dopodiché son seguiti tutti quei siti che permettono di scaricare e/o guardare illegalmente in streaming film e serie tv del tutto gratuitamente; fino ad arrivare alle piattaforme di Video On Demand di ultima generazione, che consentono di noleggiare e visionare copie digitali di film e telefilm in maniera del tutto legale e a prezzi assai ridotti.

FONTE: Giuseppe Riva, Massimo Petiti, Eleonora Uggè, Oltre la televisione: dal DVB-H al Web 2.0, LED, Milano, 2007

Circa il 20,2% della popolazione italiana utilizza Internet per la visione di film, con un aumento significativo rispetto il 2012 (+6%). Tra i giovani la percentuale sale al 44% e la tendenza è sempre più rilevante tra diplomati e laureati (24,1%).

FONTE: 11° rapporto annuale sulla comunicazione: L’evouluzione digitale della specie, redatto dal Censis, 2013.

Untitled

Una distinzione alquanto semplicistica, consente la classificazione immediata delle piattaforme video online:

  • UntitledVideo On Demand à modello di distribuzione paragonabile a una videoteca online in cuil’utente è puro fruitore e dispone della flessibilità di poter decidere che cosa guardare e quando farlo, in base alle proprie esigenze, scegliendo i modi e i tempi del recupero delle informazioni. I distributori dei contenuti sono le case cinematografiche e di produzioni televisive.

 

  • UntitledVideo Sharing à sistema di condivisione di video in rete basato sull’hosting service, cioè un servizio che offre agli utenti la possibilità di caricare video e archiviarli su piattaforme appositamente create. È un vero e proprio Social in cui l’utente non fruisce passivamente i contenuti audiovisivi, ma può crearne di propri e condividerli con la community.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

     

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>